Gestionale o ERP?
In Italia esistono perlomeno migliaia di gestionali, in alcuni casi creati anche per poche aziende, e quasi tutte le aziende (anche le più piccole) ne hanno visto uno.
Un gestionale può essere anche un semplice “fatturatore” che si trova in edicola a meno di 100 euro, ma può arrivare a costare anche decine di migliaia di euro comprendendo altre funzioni, che non fanno parte del software base.

Un ERP è invece un’altra cosa perchè permette di gestire tutte le funzioni/aspetti aziendali: si può considerare alla stregua di un “contenitore” con dentro gestionale, CRM, produzione, contabilità, magazzino, risorse umane, budget, ecc.
Quindi, se un gestionale serve ad esempio per gestire la contabilità e fare DDT e fatture, un ERP serve per gestire le relazioni con i clienti, fare le offerte, gestire la produzione e le distinte base, fare i DDT, fare le fatture, gestire la contabilità, gestire gli orari di lavoro, gestire le non conformità, gestire i documenti, ecc. ecc. Al punto che un utente potrebbe aprire il pc per lavorare solo sull’ERP.

La lista di funzioni possibili è molto lunga e continua a crescere, grazie alla modularità di OpenERP: è infatti concepito con una logica a blocchi, per cui è possibile aggiungere nuove funzionalità in base alle necessità.
Sviluppatori da tutto il mondo (37 paesi ad oggi) contribuiscono ad aumentarne le potenzialità continuamente (finora sono più di 800 i moduli disponibili a costo zero), oltre a quelli già disponibili di default nell’installazione base (circa 200).

Le aree principali di OpenERP sono:

* CRM
* contabilità
* punto vendita
* progetti
* magazzino
* risorse umane
* acquisti
* produzione
* marketing
* fatturazione
* document management
* costruttore di applicazioni

Continua…